La pratica del cinema

Stage intensivo
condotto da Lucilla Mininno
24 e 25 Novembre dalle 10:00 alle 17:00

Preiscriviti allo stage cliccando qui!


Il lavoro dell'attore nel cinema è un lavoro fatto di dettagli, un lavoro in cui bisogna essere quello che si rappresenta e non si può nascondere, imbrogliare. Anche un ruga sulla fronte racconta... Anche la porzione di spazio che un corpo occupa nel mondo, è narrativa... Pensiamo a Zampanò...
L'attore che il regista sceglie per una parte è lui e solo lui, non potrebbe essere nessun altro.

Quel viso, quel corpo, quel muoversi, quella voce, sono unici e irripetibili.

Non ci sono artifici, non ci sono luci che reggano, non c'è trucco, non c'è la distanza di una platea, non c'è palco all'italiana, non ci sono gesti grandi che devono essere visti dall'ultima fila, né un diaframma necessario per portare la voce sino alla galleria più alta.
C'è una telecamera, lo sguardo del regista e l'attore, unico e irripetibile.

I GIORNATA
Training e preparazione (Portare abbigliamento comodo e scarpe da ginnastica)
Esercizi di primo approccio con la telecamera.
Visione su monitor delle due scene originali che ognuno degli allievi ha preventivamente scelto.
Gli allievi ripropongono le due scene, interpretando il personaggio in cui si immedesimano e che hanno scelto di interpretare. Le scene vengono ripetute più volte, con inquadrature differenti, per cogliere le difficoltà della recitazione cinematografica.
Analisi delle scene, visione delle stesse, discussione.

II GIORNATA
Training e preparazione.
A seguito del lavoro fatto il giorno precedente, gli allievi ripropongono le loro due scene per valutarne le evoluzioni.
Le scene vengono tra loro intrecciate per costruire, in improvvisazione e secondo le indicazioni della docente, una nuova “sceneggiatura collettiva”. L'esercizio viene ripreso e montato.
Conclusioni.

MATERIALE RICHIESTO
Ogni allievo deve scegliere due scene tratte da film noti,
titoli e link video devono essere comunicati prima dell'inizio del laboratorio.
Una scena deve contenere non più di un minuto di azioni del personaggio scelto.
L'altra deve contenere un monologo (da conoscere a memoria) del personaggio scelto.
L’allievo deve portare:
tutti gli oggetti e i costumi necessari per interpretare quel personaggio e le due scene, secondo l'adattamento che valuta necessario;
la musica originale delle scene o una a sua scelta.